[Recensione] Uno sparo nel buio di Vincenzo Cerracchio edito fazi Editore



Titolo: Uno sparo nel buio
Autore:Vincenzo Cerracchio
Edito:Fazi Editore
eBook:€6,99
Cartaceo:€15,00
TRAMA:
Roma, 1922. Presso la Corte d’Assise si svolge il processo per l’omicidio di Bice Simonetti, il cui cadavere è stato ritrovato la mattina del 4 gennaio 1918 sul Lungotevere Marzio. L’imputato, Ignazio Mesones, figlio di un diplomatico peruviano e marito della vittima, è accusato di aver ucciso la donna con un colpo di pistola alla tempia con l’intento di simularne il suicidio. Il caso sembra piuttosto semplice da risolvere, se non fosse per l’ipotesi, sempre più plausibile, di un eclatante scambio di persona per le evidenti condizioni fisiche dell’imputato: l’uomo, da anni, è completamente cieco.
Testimonianze infervorate e perizie controverse smuovono le acque di un’indagine la cui soluzione appare sempre più difficile, ostacolata da deposizioni contraddittorie, minacce recapitate per mezzo di sgrammaticate lettere anonime, traffici di droga sotterranei e la comparsa di strane figure sulla scena. L’esito del processo si sposta presto sui giornali, dove gli articoli di cronaca si fondono sapientemente con i pareri personali degli autori dei vari pezzi, che condannano o assolvono imputati e testimoni prima ancora che la giustizia abbia fatto il suo corso. Sullo sfondo c’è l’Italia del primo dopoguerra, l’Italia dei governi deboli e dell’incertezza politica, dei duelli d’onore e dei violenti scontri di piazza, della lotta all’analfabetismo e dei primi passi verso l’emancipazione femminile.
Basandosi su una storia vera, Vincenzo Cerracchio ci regala un giallo sottile e suggestivo, avvolgendolo con maestria e romanticismo nell’atmosfera nostalgica dei profumi, dei colori e dei sapori della Roma degli anni Venti.

Il pretorio era andato affollandosi rapidamente di magistrati, avvocati e giornalisti. Sguardi curiosi avevano seguito gli imputati al loro ingresso. Mesones si era raggomitolato terreo in un angolo della gabbia, prima di essere convocato davanti alla corte. Di Maria De Angelis ora s’intravedeva solo il collo bianco, era girata verso il tavolo della giuria con la veletta abbassata.



RECENSIONE

Una storia che narra di una vicenda veramente accaduta a Roma negli anni del primo dopo guerra . Uno scenario storico interessante e inquietante allo stesso tempo. Il processo a carico di Ignazio Mesones è alla sua arringa finale. I giurati in base alle testimonianze raccolte dal procuratore e dai difensori di Mesones ,  dovranno decidere se riconoscere Mesones come assassino della moglie Bice Simonetti. Insieme a Mesones sono indagati l'amante di quest'ultimo , Maria De Angelis e il Bersagliere Barbaro. 

Il caso è più complicato del previsto in quanto all'epoca dell'assassinio , il signor Ignazio Mesones era già cieco , e molte delle dichiarazioni di un tempo non combaciano . Lo stesso Mesones  ritratta più volte dichiarandosi prima innocente e poi stranamente colpevole. Quelli che erano I rapporti tra lui la moglie e l'amante non erano e non sono ancora chiari.Ad indagare sul caso dal punto di vista giornalistico , ci sono anche due giornalistisi uno del Messaggero e uno del Giornale d'Italia che risulteranno presto voci scomode. In uno scenario politico ed economico in forte cambiamento dell'Italia di quel tempo,  la storia del caso Mesones raccontata con una maestria unica dalla penna di Cerracchio. Un intreccio di personaggi chiave che renderà ancora piu difficile cercare di sciogliere l'enigma.  Quali saranno le sorti di Ignazio Mesones ?! Una giusta verità o una verità comoda.?





LA MIA VOTAZIONE:

Nessun commento:

Posta un commento